Shazam diventa un’estensione per Google Chrome

Shazam diventa un'estensione per Google Chrome thumbnail

Alla fine del 2021 Apple sembra aver rilasciato silenziosamente una nuova estensione Shazam per gli utenti Chrome. In questo modo sarà più semplice utilizzarla per identificare i brani in riproduzione di cui non conoscete titolo o autore, anche se non utilizzate un dispositivo iOS.

Shazam: Apple rilascia un’estensione per Google Chrome

È dal 2017 che Apple possiede Shazam, il servizio di riconoscimento dei brani musicali che è stato integrato nel sistema operativo dei dispositivi iOS per moltissimo tempo. Chi possiede un iPhone o un Mac, infatti, può utilizzare Siri per identificare qualsiasi brani in riproduzione anche senza ricorrere all’applicazione. Più nello specifico, la funzionalità è integrata negli smartphone Apple come opzione del Centro di Controllo. Ma ora è stata finalmente resa disponibile come opzione di facile accesso anche per tutti gli utenti Chrome, sia su PC sia su Mac.

Più che di una vera e propria opzione, si tratta di un’estensione per Google Chrome, a cui è possibile accedere dalla barra degli indirizzi per riconoscere il brano che state ascoltando. Anzi, quando l’estensione riconosce un brano, apre un’opzione per la riproduzione in Apple Music – gli abbonati al servizio possono ascoltare brani interi senza alcun problema -. E come se non bastasse, l’estensione Shazam offre anche l’accesso alla cronologia dei brani ascoltati. E per gli abbonati ad Apple Music permette anche di accedere a video, testi e altri contenuti.

Quello che stupisce, allora, è che la compagnia di Cupertino non abbia affatto pubblicizzato l’estensione. Probabilmente perchè alcuni utenti hanno riscontrato alcuni problemi con il suo corretto funzionamento. Molteplici recensioni suggeriscono che l’estensione non è in grado di riconoscere alcun brano, sebbene per altri funzioni come previsto. Staremo allora a vedere se Apple migliorerà o meno la sua estensione prima di annunciarla pubblicamente.