Tesla: i nuovi modelli mancano di porte USB, c’entra la crisi dei chip?

Tesla: i nuovi modelli mancano di porte USB, c’entra la crisi dei chip? thumbnail

Gli utenti americani che hanno acquistato le Model 3 e Model Y di Tesla hanno fatto notare l’assenza di porte USB, ecco perchè.

Niente porte USB sulle nuove Tesla: colpa della crisi dei chip

Secondo il portale The Verge, alcuni clienti Tesla hanno fatto notare che le loro Model 3 e Model Y mancano di porte USB. Il problema è infatti stato evidenziato già anche da un altro portale autorevole: Electrek. Secondo quanto riferito, alla base di questa scelta dell’azienda, ci sarebbe l’annoso problema della crisi dei chip.

Gli acquirenti si sono rivolti quindi rivolti a Reddit per esprimere le loro preoccupazioni sulle porte mancanti. Il problema, come emerge dai post, riguarderebbe non solo gli ingressi USB type C sulla console centrale e vicino ai sedili posteriori, ma anche un generale malfunzionamento dei caricabatterie wireless. Alcuni acquirenti sostengono che Tesla non abbia nemmeno detto loro che le auto sarebbero arrivate sprovviste di porte USB. Altri invece non si sono neanche resi conto dell’assenza delle suddette, fin quando non hanno letto i post su Reddit.

Electrek riporta che, ai pochi utenti che sono riusciti a mettersi in contatto con il servizio clienti, è stato riferito che “le porte USB potrebbero essere disponibili a partire da dicembre”. Ai fruitori è stato poi offerta la possibilità di prenotare un appuntamento tecnico per l’installazione. The Verge, tuttavia, rimane scettico sulle scadenze annunciate da Tesla. Ad ogni modo, per ora, gli acquirenti si ritrovano con un veicolo dotato di una costosissima batteria, che però non può nemmeno caricare i comuni dispositivi elettronici.

La crisi dei chip crea non poche difficoltà all’industria automobilistica

Non c’è da stupirsi di problematiche di questo tipo. Dopotutto la carenza di chip si è manifestata in molte aree della tecnologia, e l’industria automobilistica non fa certo eccezione. Alcuni dei nuovi modelli BMW, ad esempio, non saranno dotati di touchscreen e probabilmente gli acquirenti non saranno mai in grado di installarne uno. 

Conseguenze negative anche per GM. Quest’ultima ha già dovuto abbandonare la ricarica wireless e il modulo di gestione del carburante in alcuni dei suoi veicoli più recenti. Il brand ha persino ridimensionato la funzione Super Cruise sulle Cadillac. Insomma: se stavate pensando di acquistare un’auto nuova, forse è il caso di aspettare.